Da vent'anni in Puglia c'è più gusto: doppia decina per questo importante compleanno de “La Puglia è Servita”, la prima guida enogastronomica di Puglia da sempre attenta a scoprire, raccontare e recensire il meglio della ricezione turistica e ristorativa della regione. Per restare vent'anni sulla cresta dell'onda si richiedono passione, competenza, serietà, entusiasmo.

La selezione delle strutture segnalate non è mai casuale ed è frutto di una ricerca costante e attenta su tutto il territorio, quest'anno in collaborazione con l'associazione Eventi d'Autore. Dalla costa all'entroterra, dal confine dauno all'estremità salentina, l'intera regione trova il suo spazio nella guida, perchè l'obiettivo è quello di valorizzare e dare merito al lavoro di qualità dei professionisti pugliesi dell'ospitalità.

Dieci le sezioni in cui si suddividono le 216 pagine, per un totale di 255 recensioni: 19 ristomare, 70 ristoranti, 19 trattorie, 14 fornelli, 25 vinerie, 26 masserie, 26 bed & breakfast, 39 dimore, 12 cantine, 5 frantoi organizzati per l'accoglienza enoturistica – e le sfiziose “tipicittà”, curiosità e indicazioni su dove acquistare prodotti artigianali e agroalimentari del territorio. Anche per questa edizione ogni categoria ha il suo premiato, un eccellente che si è distinto per la qualità del suo lavoro durante l'anno. E a questo proposito l'edizione del 2016 si celebra con una novità: è stato inserita infatti il nuovo premio per “Addetto di sala emergente”, un riconoscimento per dare valore a una fondamentale categoria di lavoratori nell'industria dell'accoglienza, quei professionisti che, ogni giorno, si fanno ambasciatori della cucina, del territorio e della sua cultura enogastronomica presso i clienti finali.

La prima assegnazione di questo premio va a Roberto Sgarra del ristorante “Umami” di Andria; Premio come chef emergente a Stefano Di Gennaro del ristorante Quintessenza di Trani, mentre Angelo Sabatelli patron del suo omonimo ristorante a Monopoli si è aggiudicato il Premio alla carriera. Di altissimo livello anche la restante rosa dei premiati 2015: miglior Ristomare a “Le Antiche Sere” di Lesina (Fg); premio sezione ristoranti “Da Fabio” di Zollino (Le); per la sezione trattorie premio a “Chez Jo” di Bari; miglior “fornello” a “Atelier della carne” di Laterza (Ta); miglior vineria “Officina del Vino” di Trani.

Nella sezione masseria, premio a “Masseria Celentano” di San Severo (Fg); per i B&B premio a “Leonardo Trulli Resort” di Locorotondo (Ba); premio miglior “dimora” a “La locanda del carrubo” di Mattinata (Fg); miglior carta dei vini quella del ristorante “I Due Camini” di Savelletri di Fasano (Br). Ancora una volta la guida non resta solo cartacea ma, da gennaio, sarà disponibile anche in versione digitale con la versione App da scaricare gratuitamente negli store Apple e Android per Tablet e Smartphone. Trovare il ristorante, la masseria o la cantina da visitare in Puglia non è mai stato così facile, accessibile e interattivo, sia per gli italiani che per gli stranieri: la guida, infatti, in tutti i formati, è realizzata anche in inglese. Un vademecum che verrà distribuito a giornalisti della stampa nazionale ed internazionale, operatori e professionisti del settore per far conoscere la Puglia più buona.


PER IL PUBBLICO €18,00 (spese spedizione a nostro carico)




LA GUIDA E' DISPONIBILE ANCHE NELLA VERSIONE APP - SCARICALA SUBITO